0
Your shopping cart is empty!

Il medico vi aiuta: Malattia da raffreddamento

Rate this item
(0 votes)
Written by Venerdì, 30 Novembre 2018 08:28;
Published in News;

Buongiorno cari lettori, come promesso oggi iniziamo la nostra rubrica “Il medico vi aiuta” con la dott.ssa Patrizia Gilmozzi.

Oggi tratteremo della malattia da raffreddamento e dei rimedi per curarla.

Quali sono i sintomi della malattia da raffreddamento?

Durante i mesi freddi è più facile essere colpiti dalle cosiddette malattie da raffreddamento che interessano le alte vie respiratorie.

Le malattie da raffreddamento si manifestano generalmente con sintomi quali sensazione di malessere, brividi di freddo, tosse, raffreddore, sensazione di indolenzimento, mal di testa, dolori articolari, inappetenza e talvolta un aumento della temperatura corporea.

Cosa fare in questi casi?

La dottoressa durante la puntata su Radio Fiemme ci elenca diversi rimedi per combattere i sintomi del raffreddamento, vediamo quali:

  • In caso di febbre dovreste ricorrere ad un pediluvio in acqua fredda o a spugnature fredde posizionando dietro le ginocchia o sui polsi un panno bagnato.
  • Dovreste bere un tè caldo o una tisana di tiglio dolcificandola con del miele; i diabetici dovranno rinunciare al miele.
  • Dovreste riposare a letto in una camera areata evitando le correnti d’aria e una temperatura troppo alta.
  • Dovreste mangiare alimenti leggeri come succhi di frutta fresca, spremute di agrumi e bere il più possibile.

Con questi rimedi i sintomi dovrebbero scomparire nel giro di poche ore o al massimo di un giorno. In caso contrario vi invitiamo a contattare il vostro medico curante. 

Se soffrite di un’affezione più acuta e grave con febbre alta dovrete rimanere a letto per qualche giorno, in questo modo tutte le energie a disposizione saranno impiegate dal vostro organismo per combattere la malattia.

Se tendete a sudare molto, è necessario che vi cambiate gli indumenti. Rimanere in abiti umidi è controproducente.

 

In caso di raffreddore cosa si può fare?

La dottoressa ci invita caldamente ad evitare di trattenere gli starnuti, in quanto fondamentale per l’espulsione del muco. È necessario portare alla bocca un fazzoletto per evitare di infettare chi ci sta vicino o di continuare a respirare i nostri stessi germi.

È importante soffiarsi il naso con delicatezza. Un’eccessiva pressione potrebbe spingere il muco all’interno dei seni paranasali, prolungando il raffreddore. È bene soffiarsi chiudendo una narice alla volta, diminuendo così la pressione esercitata.

Per decongestionare il naso e respirare con più facilità potreste scegliere dei fumenti con erbe o oli essenziali al pino mugo o di larice.

Potreste optare anche per aerosol con gli oli essenziali piuttosto che con le medicine tradizionali.

Oppure potreste fare dei lavaggi nasali con un preparato di acqua, zucchero e fiori di camomilla. Una volta tiepido o freddo potrete fare i lavaggi con una pipetta. Si possono fare anche dei lavaggi con acqua e oli essenziali o olio d’oliva.

Un altro rimedio ancora è quello di porre un panno umido freddo sul collo aiutando il decongestionamento nasale.

È meglio evitare l’uso dei decongestionanti venduti in farmacia. Essi tendono ad assottigliare la mucosa e a rovinarla irreparabilmente. Se si è costretti a farne uso per motivi lavorativi è bene usarli il meno possibile.

Oltre ad un decongestionante avrete bisogno di un espettorante che vi aiuti ad espellere il catarro. Potrete scegliere medicine tradizionali suggerite dal medico di base o optare per rimedi naturali come il “lichene islandico”, o la salvia o il timo o la malva preparando un decotto da addolcire con del miele.

Si possono anche fare degli impacchi caldi o freddi umidi con il famosissimo vix vaporub o con i semi di lino.

Potrete anche utilizzare il nostro Caldel, un piccolo cuscino che contiene al suo interno una miscela di erbe per alleviare il dolore delle articolazioni e distendere contrazioni muscolari, attivando la circolazione sanguigna.

Volendo sfruttare le magnifiche doti curative dell’olio essenziale di pino cembro potrete prediligere un cuscino in cirmolo per dormire.

Speriamo di esservi stati d’aiuto e di avervi indicato qualche rimedio utile. Vi lasciamo alla puntata in radio per informazioni più dettagliate. 

 

Il medico vi aiuta su Radio Fiemme

 

 

Grazie a tutti,

Spirit of Dolomites.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Newsletter

Ultimi articoli

I vostri commenti