Il sole fa male alla pelle!

È brutto esordire così in un articolo che dovrebbe far venire voglia di mare, spiaggia e estate, ma è vero, il sole, se non è preso con moderazione e con i giusti accorgimenti, è dannoso per la salute della nostra pelle.

L’abbronzatura ci fa sembrare più belli, sani e risalta magari alcune nostre caratteristiche fisiche, ma non dimentichiamoci che rappresenta un meccanismo di difesa che la nostra pelle mette in atto per proteggerci dai raggi del sole.

Ogni volta che i raggi del sole ci colpiscono produciamo melanina, un pigmento che serve per l’appunto a creare una sorta di barriera.

Esistono due tipi di melanina, quella scura che caratterizza le persone brune e quella rossa presente in chi ha i capelli rossi. I biondi possiedono entrambe le tipologie.

Ovviamente più la melanina sarà scura più la sua difesa sarà migliore, ma non sarà, comunque, sufficiente a proteggerci totalmente dal sole, infatti i raggi UV riescono a penetrare e raggiungere il derma. Proprio per questo motivo la pelle si danneggia.

In primo luogo il sole può danneggiare il DNA delle cellule della pelle. Quando ciò accade, la maggior parte delle volte, questi danni vengono riparati, o, avviene la morte delle cellule stesse. In altri casi, quelli più sfortunati, le cellule diventano cancerose.

Tralasciando i casi più gravi, esistono però, degli effetti collaterali meno importanti, ma comunque fastidiosi e antiestetici.

Una lunga esposizione al sole può, ad esempio, causare la degenerazione dell’elastina e del collagene, riducendo notevolmente l’elasticità della nostra pelle e provocandone un invecchiamento precoce.

Insomma se non siete disposti a curare e a proteggere la vostra pelle dovrete fare i conti con rughe e pieghe d’espressione molto più evidenti e le tanto odiate macchie solari.

Ma allora potremo andare in spiaggia solamente di notte e “abbronzarci” con i raggi lunari come le belle orientali?

Assolutamente no, basterà prendere i giusti accorgimenti e potremo godere dell’estate, dei bagni rinfrescanti al lago o al mare senza rinunciare al nostro bel colorito mediterraneo.

LO SAPEVI CHE…

  • I raggi ultravioletti attraversano le nuvole, ergo ci si può scottare anche durante una giornata nuvolosa.
  • L’ombrellone non basta, i raggi ultravioletti ci colpiranno comunque a causa del riverbero. Le creme protettive vanno messe anche all’ombra.
  • Ci si abbronza anche nell’acqua.
  • La radiazione solare raggiunge la retina, gli occhiali da sole vanno indossati.
  • I bambini, fino ai tre anni, non dovrebbero essere esposti al sole senza vestiti, occhiali scuri e cappellino. Le scottature nei bambini si possono trasformare, una volta adulti, in melanomi.
  • Abbronzarsi più lentamente è la cosa migliore. Il colorito durerà molto più a lungo ed eviteremo i danni cutanei prima citati. Tranquilli, anche con la crema solare ci si abbronza.

Ma quali sono i metodi per evitare tutto ciò?

Per evitare rischi inutili e dolorosi è sufficiente seguire una serie di piccoli accorgimenti.

Ecco quali:

  • In spiaggia o in montagna dovremo sempre ricorrere alla protezione solare. Dovremo ricordarci di metterla qualche minuto prima di esporci al sole e di ripetere l’applicazione ogni due ore o subito dopo lunghi bagni.
  • I primi giorni dovremo prediligere un fattore di protezione alto, meglio se tra i 30 e 50 SPF. Nel caso in cui la pelle dovesse “tirare”, è consigliabile indossare cappello e maglietta. In questo modo eviteremo di scottarci. Quando l’abbronzatura sarà un po’ più evidente potremo passare ad una protezione media, ossia tra i 15 e i 20 SPF.
  • Dovremo evitare le ore più calde, tra le 11 e le 16.
  • Dovremo evitare di utilizzare residui di vecchie creme solari perché anch’esse hanno una data di scadenza!

Il sole serve solo per abbronzarsi?

No, l’esposizione al sole è necessaria. In quantità moderate, ha un impatto benefico sull’umore e sulla sintesi della vitamina D, che è importantissima per l’assorbimento del calcio nelle ossa.

In ogni caso, per godere di questi benefici ci basteranno 15 minuti al giorno di esposizione protetta.

Come ottenere un’abbronzatura perfetta?

Per eliminare il grigiore invernale dalla pelle e ottenere un’abbronzatura perfetta è consigliabile un peeling su viso e corpo.

Ci sono moltissimi prodotti sul mercato che ci permettono di realizzare una buona esfoliazione della pelle, ma potremo creare dei meravigliosi scrub anche con i prodotti che abbiamo nelle nostre cucine.

Mescolando, ad esempio, miele, zucchero e limone si otterrà uno scrub idratante ed esfoliante completamente naturale. Passate su tutto il corpo il prodotto ottenuto con movimenti delicati e circolari. Sul viso siate ancora più attenti, la pelle è molto più sensibile.

Risciacquatevi con acqua tiepida e idratate con una buona crema. In questo modo eliminerete le cellule morte e sarete pronti per godervi l’estate. Evitate di esporvi al sole subito dopo, aspettate almeno 24 ore.

La pelle liberata dalle impurità è più ricettiva e il colorito risulterà più omogeneo.

Idratare, idratare, idratare!

L’idratazione è importante, sempre e comunque. Una pelle idratata è meno soggetta a scottature e l’abbronzatura risulterà più omogenea.

Senza una buona idratazione, la pelle non è elastica e la sua “funzione barriera” è più debole.

Per idratare la pelle si devono utilizzare creme e prodotti protettivi adatti. Inoltre se abbiamo intenzione di esporci al sole dovremo utilizzare creme che vadano a lenire, decongestionare e che abbiano proprietà ricostituenti.

Oltre ad idratare dall’esterno dovremo preoccuparci di bere molta acqua. Sodio, potassio e magnesio sono, infatti, fonti di energia per la nostra pelle. In estate si tende a sudare molto di più, motivo per cui bere è fondamentale per reintegrare i sali minerali persi.

Set estivo per il vostro benessere

Per la stagione estiva abbiamo pensato di creare un set che possa accompagnarvi durante le vostre vacanze. Questo set non solo vi permetterà di nutrire e lenire la vostra pelle, ma vi aiuterà contro le zanzare, dolori articolari, ritenzione, emicrania e stress.

Il set comprende:

  • La Crema alla Calendula per corpo e viso. Fornisce un’azione lenitiva e riepitelizzante, che garantisce un sollievo immediato contro le scottature e una guarigione più veloce. Potrete utilizzarla su tutto il corpo e anche sul viso.
  • La Crema gambe con ippocastano e cipresso per combattere la ritenzione idrica, per regolare il flusso vascolare di gambe con inestetiche varici, o per lenire il dolore da acido lattico.
  • Il Linimento all’arnica per i dolori causati da colpi d’aria, sforzi o per ematomi, distorsioni, stiramenti e dolori articolari.
  • L’Olio essenziale alla lavanda per combattere zanzare, scottature, emicrania e stress. Per tenere lontane le zanzare, unite qualche goccia alla crema o ad un olio vettore come l’olio di mandorle dolci e distribuitelo su tutto il corpo. Potreste inoltre versarne qualche goccia su vestiti o scarpe. L’olio essenziale alla Lavanda mescolato con olio d’oliva o altri oli vegetali di vostro gradimento è un ottimo rimedio anche per le scottature.

Non solo la vostra pelle avrà un colorito più bello e più a lungo, ma sarà nutrita e idrata, regalandovi una piacevole sensazione di freschezza e morbidezza.

Per comprare il nostro set clicca qui!

Per maggiori informazioni sull’utilizzo degli oli essenziali contro zanzare e insetti aspettate il nostro prossimo articolo.

Buone vacanze!